La famiglia

Il respiro della terra.

Il suo vivere complesso e fitto. Il silenzio della terra, e la sua voce.
Le stagioni della pioggia, il tempo del sole.

Il respiro della terra.

Ogni giorno diverso, potente o sommesso. Lo ascolti e respiri con lei,
seguendo il suo ritmo, finchè un giorno ti accorgi che il respiro della terra
ed il tuo respiro hanno lo stesso affanno. Notte e giorno, neve e vento, lavoro
e riposo, tu e la terra.

Lo stesso ritmo

Capisci che vi sono concessi gli stessi giorni, le stesse ore, le stesse stagioni
e che nessuno può dare di più senza pagarne le conseguenze. Improvvisamente
sei consapevole che non puoi continuare a sfruttare, avvelenare, forzare
perchè cio che fai alla terra lo fai a te stesso.

Lo stesso destino

Ed inizia il rispetto.
Il rispetto per te stesso e per la terra, per il tempo e per la vita.
Il respiro torna regolare, naturalmente lento, finalmente naturale.
La vigna che coltivi diventa avara, ma lo capisci: i suoi grappoli sono ora più
preziosi ed il vino è ricco, come tutte le cose povere.

Agricoltura Biologica, la chiamano.

Per me e per mio figlio è scegliere la vita, da anni ormai.
Io mi chiamo Raffaele Di Tuccio e la mia terra è la Puglia: con mio figlio
Luigi e mia moglie Antonia, vi invitiamo nella nostra masseria per
ascoltare il respiro della terra.